Menu
Carrello 0

Il peggior irrompere mai!

Pubblicato da Chris Dangerfield on

Il peggior irrompere mai!

"Qual è la cosa più bella?" Qualcuno chiese una volta al grande drammaturgo George Bernard Shaw. "La giovinezza è la cosa più bella di questo mondo", ha risposto, "... e che peccato che sia sprecato per i bambini".

Finché sei ancora relativamente giovane, farai fatica a capire questa citazione. Una questione di mancanza del legno per gli alberi o di un pesce sull'acqua, in entrambi i casi quando si ha un'abbondanza di cose buone, è molto difficile capire la vita senza di essa.

Eppure, quando osservo la mia giovinezza, i romanzi effervescenti, i sogni e le illusioni, sono più colpito dai fallimenti che dai successi, più dalle belle catastrofi piuttosto che dalle conquiste. Forse questa è una propensione per la negatività, o forse perché soffiare la tua tromba è più interessante per gli ascoltatori quando colpisci una nota stonata.

Una nota così stupida risuonò nei campi del Glastonbury Festival, in 1992, quando io e alcuni amici decidemmo contro l'esorbitante prezzo del biglietto 120, in favore dell'arrampicata dei DUE recinti che circondavano l'intero festival.

Stonehenge - dove la festa è iniziata e avrebbe dovuto fermarsi.

Un po 'di retroscena è essenziale qui, contribuirà a dare al racconto qualche "sostanza" necessaria per così dire. Ero giovane, ero pieno di energia. Ero pieno di tossine, ne ero pieno. Avevamo già festeggiato per alcuni giorni 10, avendo partecipato al festival di Stonehenge una settimana circa prima. Avevo dormito a malapena per oltre una settimana e le uniche cose che mi erano passate le labbra erano o lager o illegali. Dire che il mio modo di pensare era distorto sarebbe un eufemismo, ho persino scritto il mio nome sul dorso della mia mano a un certo punto, per ogni evenienza.

Lo spirito del Festival di Glastonbury: due enormi recinti e una torre di avvistamento.

Quindi noi tre ci siamo trovati tra i due recinti. La "terra di nessuno" della sicurezza di Glastonbury. Era già strano perché non avevo assolutamente alcun ricordo di arrampicarmi sulla prima staccionata. E questi recinti non sono piccoli, sono alti circa 4, acciaio puro con niente da afferrare. Per noi tre ci siamo ritrovati a metà strada senza renderci conto che era incredibile. E tutti abbiamo festeggiato con un drink e una sigaretta, la musica dal vivo in sottofondo, tenendoci motivati.

All'improvviso apparve un 4x4 - a circa 80 metri a sinistra. Non era insolito, ma se ci avessero visti saremmo stati presi e portati all'uscita e scaricati. Non è l'ideale, quindi siamo andati tutti e tre nella direzione opposta. Era come quella scena in The Great Escape quando Steve McQueen - anche lui tra due recinti - sta facendo uno zoom sulla sua moto, cercando il momento giusto - e l'opportunità - di saltare il secondo recinto. Era molto simile, solo senza la moto, e noi tre, inciampando e inciampando l'uno sull'altro.

Steve McQueen in The Great Escape.

4X4 ora si trovava a circa 50 metri di distanza. Il deve aver visto noi. Non verbalmente - solo l'aspetto della paura assoluta e del potenziale fallimento sui nostri volti - è stato deciso che dovremmo fare la mossa, avevamo bisogno di ridimensionare in qualche modo il secondo recinto ed entrare nel festival. Se non fossimo entrati ora, saremmo sicuramente fregati.

Giovani sprecati per i giovani al Glastonbury Festival.

Quindi puoi immaginare il nostro stupore quando una fune arrivò oltre il recinto, fino in fondo. Una corda con un enorme nodo ogni metro circa e un artiglio d'acciaio ad un'estremità. È in momenti come questo che puoi facilmente iniziare a credere in un Dio interventista.

Ho subito iniziato a strappare l'artiglio sopra la recinzione, a strappare la corda per verificare che fosse al sicuro e coraggiosamente ... suggerì al mio amico Neil di andare per primo. In pochi secondi era finito, seguito da Ben. È stato fantastico Ho afferrato la corda, 4x 4 ora a circa 10 metri di distanza, ho tirato e fatto un passo, tirato e fatto un passo, prima di raggiungere la cima e saltare la discesa piuttosto lunga, la scala di corda che atterrava accanto a me.

Il suono di centinaia di migliaia di persone che si divertivano a pochi metri ci tenevano motivati.

Una volta ottenuto il mio orientamento, ho visto Neil e Ben, così come poche altre persone. E una strada e un negozio d'angolo. Questo non era il Festival di Glastonbury. Questa era una città. Sì, in qualche modo, noi tre eravamo appena usciti dal festival.

'Grazie per aver riportato indietro la corda' disse uno dei bambini.

'Nessun problema' ho detto.

Chris Dangerfield.


Condividi questo post



← Post precedente Newer Post →