Menu
Carrello 0

Una storia di Safe Cracking.

Pubblicato da Chris Dangerfield on

Hello Lock Pickers

Siamo stati tutti fortunati. Alcune persone sostengono che siamo noi a creare la nostra fortuna, altri pensano che ci sia stata conferita da una qualche "energia" universale. In ogni caso, sembra esserci un elemento incommensurabile che punta l'equilibrio in molti degli eventi della nostra vita. E se è qualcosa che chiamiamo in retrospettiva o ha una sorta di influenza, devi ammetterlo, a volte sembra reale.

Nella raccolta dei blocchi, la fortuna ha il suo posto. Senza dubbio molti di noi hanno "serrato" le serrature meno con abilità, conoscenza o abilità, piuttosto una combinazione di opportunità, situazione e circostanze.

Bill bosniaco una volta descrisse "Bitchpicking"; che la tecnica per principianti di inserire uno strumento di tensione, applicare la tensione, poi dimenare e scuotere un piccone nella serratura e Boom! Si apre. E anche se sappiamo che il nostro livello di abilità era quasi pari a zero, e sebbene sappiamo che questo non è stato pianificato o eseguito secondo le conoscenze, sentiamo un senso di realizzazione, un senso di abilità. Penso che sia sicuro dire che molti di noi hanno continuato il nostro viaggio nell'incredibile arte del lock picking dopo una di queste esperienze. Mi chiedo quante persone non sono state 'fortunate' e non hanno mai scelto un altro lucchetto?

Il primo lucchetto che ho mai scelto è stato il blocco del telefono sul telefono dei miei genitori, quello che mi impedivano di fare il conto con delle chiacchiere. Ho raccontato la storia in molti modi e molte volte, ma in verità ho solo bloccato quello che potevo trovare che si inseriva nella chiavetta, e così è successo che il raschietto di un set di tagliaunghie funzionava. Fortunato? Sì.

Ora facciamo il salto gigantesco dalle serrature telefoniche a un singolo wafer alle casseforti industriali. Probabilmente abbiamo appena attraversato la voragine più ampia possibile nel mondo del lock picking. Non ci sono casseforti di bitchpicking. Si tratta di macchine complesse, in genere ben progettate e realizzate con amore. Non sto parlando delle casseforti 39.99 di $ che potresti trovare in un hotel, anche se, come puoi vedere qui sotto, se non sai cosa stai facendo, questi possono ancora richiedere un po 'di sforzo ....

 

Sì, questo è un $ 39 sicuro, e questo è un mio amico. Non ha pensato di chiedermelo, e mi è piaciuto molto vederlo colpire con un'ascia parecchie volte.

 

Torna alle casseforti dei ragazzi.

Nel seminterrato del Alberta Vermilion Heritage Museum, c'è una cassaforte. Una grande cassaforte. È un mostro da 2000 libbre (907 kg), orgogliosamente adornato nella parte superiore con lettere d'oro con il nome del proprietario originale The Brunswick Hotel, che ha aperto nel 1906 e ha donato la cassaforte al museo all'inizio degli anni '1990 dopo che era rimasta chiusa per anni, il combinazione persa e con molti fabbri che non sono riusciti ad aprirla.

Non era certo una grande attrazione per il piccolo museo, che risiede in una città di solo persone 4000. Solo un'altra piccola esposizione insignificante in un altro piccolo museo insignificante, in un'altra città insignificante.

Presentiamo il canadese Stephen Mills, che con la sua famiglia allargata ha deciso di fare una visita al museo durante una vacanza nella zona.

"Quando andiamo in campeggio ogni estate, veniamo a sapere che ogni piccola città, non importa dove tu vada, ha qualcosa da offrire", ha detto.

Sono stati mostrati in tutto il museo dal volontario Tom Kibblewhite, il quale ha spiegato che la cassaforte è stata donata a loro quando l'hotel ha cambiato le mani nei primi 1990 con la cassaforte bloccata dai primi 1970.

 

Una tipica cassaforte a combinazione della stessa epoca. Queste scatole sono spesse quanto puoi immaginare, resistenti come chiodi e sono state costruite per durare. Ovviamente sono stati costruiti per tenere lontane le persone, cosa che ha avuto il Brunswick Hotel, con incredibile successo.

 

Incuriosito, il signor Mills si inginocchiò davanti alla cassaforte. Una serratura a combinazione, con la solita rotella di combinazione sul davanti.

Il museo aveva precedentemente arruolato l'aiuto di vari esperti, inclusi molti fabbri diversi, per decifrare il codice. Hanno provato tutti i soliti numeri che si potrebbero provare e le combinazioni predefinite, avevano persino contattato gli ex dipendenti dell'hotel per vedere se potevano aiutare. Ahimè, l'enorme monolite è rimasto chiuso.

Il signor Mills, che non era un raccoglitore di serrature o un cracker sicuro, conosceva almeno lo schema standard di sicurezza delle casseforti combinate.

Notando che i numeri sono passati da zero a sessanta, Mr Mills ha casualmente provato 20- 40- 60.

E ha aperto.

"Serratura a combinazione tipica, tre volte in senso orario - 20 - due volte in senso antiorario - 40 - una volta in senso orario - 60, ha provato il manico ed è andato", ha detto.

 

Che scatola meravigliosa. Un solido, fatto per durare, fatto per funzionare, fatto per mantenere le cose sicure, da dove viene la parola! E il signor Mills ha aperto quella dannata cosa sul suo primo tentativo!

 

È una bella storia, sicuramente qualcosa da ricordare durante la vacanza. La sua famiglia allargata era lì a guardare, c'erano anche i suoi figli. Adoravo mio padre, era il mio eroe. Ma se l'avessi visto aprire una tale cassaforte quando ero un bambino, wow! Cose che cambiano la vita. È il lavoro di un superuomo!

 

 

Guarda quella faccia! Quel sorriso! Quell'incredibile sensazione quando hai appena aperto una serratura. La sensazione che tutti conosciamo. Che si tratti di un cilindro che abbiamo trovato in un mercato, un lucchetto per bicicletta, che è stato appeso al recinto del giardino per tutta l'estate, o un mostro di una cassaforte che non è stato aperto per decenni, nonostante molti, molti tentativi professionali e non professionali. È per questo che lo facciamo, è scritto su tutta quella faccia!

Quindi Mr Mills ha avuto la "fortuna" che ha fatto un'ipotesi, un'ipotesi "educata" che si potrebbe dire, ma comunque una supposizione. E comunque tu definisci la "fortuna" che devi ammettere, sembrerebbe aver sollevato la sua strana testa qui.

E cosa c'era nella cassaforte? Lingotto d'oro? Documenti incriminanti? Gadget spia? Gioielli che valgono milioni? Beh no.

Tutto ciò che giaceva nella cassaforte, sotto millimetri di polvere, era un vecchio foglio paga e parte di un blocco ordini di un ristorante, risalente alla fine degli anni '1970.

Il pad includeva le ricevute per un hamburger di funghi per C $ 1.50 ($ 1.12) e un pacchetto di sigarette per C $ 1.00. Non così fortunato.

 

Volontario Tom Kibblewhite mostra il contenuto della cassaforte in una cartella di plastica trasparente. Pic: CBC
Il volontario del museo Tom Kibblewhite, che mostra il "tesoro".

 

Quindi, cosa possiamo imparare da questo, quando la "fortuna" stessa è così al di fuori del nostro controllo e per sempre fuori dalla nostra portata? Penso valga sempre la pena dare qualcosa. Piuttosto che pensare che non possiamo fare qualcosa, dovremmo avvicinarci a tutto come possiamo fare qualcosa. Dovremmo renderci conto che non si tratta sempre di abilità, esperienza, abilità o conoscenza, può riguardare cose fuori dal nostro controllo e ben oltre noi. E questo mi sembrerebbe un buon modo per avvicinarsi non solo al lock picking, ma alla vita stessa. Perché se crediamo nei limiti vivremo da loro, e se non lo facciamo possiamo trascenderli, che può essere glorioso, anche quando il premio è una ricevuta per un hamburger di funghi e un pacchetto di sigarette.

Buona raccolta

Chris Dangerfield. 


Condividi questo post



← Post precedente Newer Post →